a Bologna...
per tutti i Proprietari di Casa


 
La Confesercenti stima che in Italia  627 mila negozi siano vuoti, uno su quattro con una chiusura giornaliera di 30 botteghe..diciamo pure un disastro, per i commercianti, per i proprietari immobiliari per la società e le città che vedono quartieri desertificarsi. Ce ne siamo naturalmente accorti anche noi a Bologna, nostri associati che si trovano con immobili vuoti, risparmi di una vita andati in fumo molto spesso..

Cosa dice e propone però la Confesercenti per risalire questa difficile china?
“Servono Canone Concordato e Cedolare Secca  ,l’associazione propone, per incoraggiare nuove aperture, l’introduzione di canoni concordati e cedolare secca, un sistema già previsto per le abitazioni e che potrebbe essere declinato anche per il commercio portando nell’arco di due anni alla nascita di circa 190mila negozi. Secondo il presidente, Massimo Vivoli, «serve patto tra commercianti e proprietari di negozi, amministrazioni comunali e Stato per rivitalizzare le città e favorire la nascita di nuove imprese». Per l’erario, l’associazione stima che sarebbe «un affare da 1,5 miliardi di euro» tra gettito Irpef, Tari e Irap pagate dalle imprese.” 

Assoproprietari Bologna non può che essere d’accordo su questa proposta, crediamo che ogni tentativo per rivitalizzare il mercato, dare una giusta renumerazione ai proprietari immobiliari vada incoraggiata con la speranza che il Governo, gli enti locali si rendano conto della necessita di cercare e trovare soluzioni valide per tutti.


Tonino Veronesi
Presidente Assoproprietari

09 Ottobre 2015                                                                                           Torna indietro