a Bologna...
per tutti i Proprietari di Casa

A Bologna come nell’intero paese solo la ripresa l’edilizia permetterà una uscita dalla crisi, infatti i dati riferiscono che il settore costruzioni, ristrutturazioni, infrastrutture e tutti gli altri collegati, dai mobili agli elettrodomestici,attività artigianali e mille altri ancora da soli, prima della crisi che ci ha colpito raggiungevano tra il 40 e il 50 per cento del Pil Italiano.

Il Governo  non ha scelta, deve  mettere mano a questo ambito con provvedimenti adeguati per un rilancio rapido di queste attività,che darebbero lavoro a migliaia di  imprese grandi e piccole con immediate conseguenze positive sui consumi interni, infatti la minuscola ripresa attuale è dovuta principalmente alle esportazioni che però da sole certamente non sono sufficienti a garantire una vera ripresa del paese.
I provvedimenti che il governo deve prendere debbono coinvolgere l’intera filiera del settore dell’edilizia, da incentivi fiscali, eliminare una dannosa ed inutile burocrazia, spingere le banche a concedere finanziamenti più facili e meno costosi a chi investe nell’edilizia.
E’ evidente che non si tratta di cosa da poco, ma a oggi vere e proprie proposte alternative non se ne sono sentite.

L’attuale governo Renzi si propone come elemento di cambiamento, novità e decisionismo, con coraggio quindi proceda anche in questo fondamentale settore dell’economia italiana.
Riguardo Bologna, la città in cui viviamo, è una tristezza sentire che imprese storiche hanno chiuso o sono in difficoltà; è triste girare e vedere decine di cantieri fermi, capannoni vuoti ed intere aree industriali ed artigianali deserte. A questo proposito non possiamo non ricordare l’ Imu stratosferica che colpisce gli immobili industriali, che chiaramente non aiuta di certo la ripresa economica.


Tonino Veronesi
Presidente Assoproprietari


 
02 Settembre 2015